Escursione n° 3: PERIPLO del M. DIVERDÀLCE

Dall’A.F. (958 m) ci si incammina in direzione dell’altopiano di Curiedi e dopo circa 1 km la salita, a tratti leggera e a tratti un po’ faticosa, finisce [da A.F. → ore 0.20]. Si prosegue a destra su strada asfaltata in leggera discesa per circa un altro chilometro sino all’altezza di due stavoli restaurati che si vedono uno sulla destra un po’ in lontananza e uno sulla sinistra molto vicino. Dopo circa 50 metri dalla stradina che conduce a questo secondo stavolo, al termine di una curva ci sono degli alberi e da lì, sulla sinistra, ha inizio il sentiero che si segue lasciando sulla destra, in basso, un vicinissimo stavolo servito da una stradina con barriera [dall’A.F. → ore 0.35].

Il sentiero prosegue con lieve discesa dapprima tra prato e bosco e successivamente tra macchie di abeti e cespugli di nocciolo lasciando sulla destra dapprima una grande fattoria, poi uno stavolo (un po’ lontano) ed un altro stavolo (grande e vicino) .Da qui si lascia sulla destra la visibile stradina asfaltata che porta nella piana di Curiedi e si segue il sentiero sino all’altezza di uno chalet da dove si possono vedere il sottostante paese di Fusea, la bassa valle della But e la parte sud di Tolmezzo. Lasciato sulla sinistra lo chalet

e tralasciando la strada sterrata che se ne parte sulla sinistra, si scende seguendo la mulattiera che punta decisa in direzione di Fusea e, facendo attenzione a tenere la sinistra ad un bivio, ci si porta sulla strada asfaltata [da 2 → ore 0.5] che si segue sulla sinistra e, superati gli edifici scolastici, due case e il cimitero, si scollina sino a giungere nei pressi dell’abitato di Cazzaso (692 m) dove, a un bivio [da → ore 0.15] si sale a sinistra in direzione di Cazzaso Nuovo (756 m). Dopo circa un chilometro la salita termina e, all’inizio del tratto pianeggiante che porta nell’abitato, poco prima della pensilina della fermata della corriera, sulla sinistra ha inizio

una mulattiera [da → ore 0.30] che, con alcuni tratti ripidi, porta in Sella Duròn(1080 m) [da → ore 1.30] da dove si ha una bella visione sull’alto corso della But, sulla conca di Tolmezzo, sulle Alpi Carniche Orientali, sulle Alpi Giulie Occidentali e, in giorni di buona visibilità, lo sguardo può spaziare sulla pianura friulana e sul golfo di Trieste. Lasciata sulla sinistra la grande fattoria, si scollina per portarsi sulla vicina stradina asfaltata che si segue sulla sinistra per circa 100 metri sino alla tabella che indica il sentiero che porta al vicino sottostante A.F., luogo di partenza [da → ore 0.25].

 Scorrere la mappa con i tasti freccia della tastiera 

Dislivelli indicativi: ↑480 m ↓480 m
Lunghezza indicativa del percorso: 8 chilometri
Tempo indicativo di effettivo cammino: ore 4.00


Sentiero
Naturalistico
Monte
Dobis
Monte
Diverdàlce
Buttea e
borgate
Monte
Cuàr
Malga
Corce
Monte
Vàs
Periplo
M.te Vàs
Monte
Daùda

- - -  Scarica il libretto delle escursioni  - - -

  Home  -   L'Agriturismo  -   Delizie  -   Escursioni  -   Nei dintorni  -   Contatti  -   Foto